La radiologia nei reparti di emergenza: intervista alla dottoressa De Cicco

La radiologia nei reparti di emergenza: intervista alla dottoressa De Cicco

Con l’aumentare delle esperienze cliniche di utilizzo dell’innovativo ecografo EcovidUS si amplia anche il
suo campo d’impiego. Nato per la diagnosi ecografica delle polmoniti, in particolare quelle da Covid-19, è
stato di recente impiegato anche in reparti di emergenza. Mario Maffei, giornalista e divulgatore scientifico
ha intervistato su questo argomento la dottoressa Maria Luisa De Cicco, dirigente medico del Dipartimento
di Emergenza Urgenza e Accettazione del policlinico Umberto I di Roma.


La dottoressa De Cicco ha sottolineato innanzi tutto quanto sia fondamentale in situazioni di pronto
soccorso poter disporre di uno strumento che per la sua maneggevolezza e facile manovrabilità si adegua
alle condizioni del paziente che, spesso, è poco o per nulla collaborante. De Cicco reputa particolarmente
importante anche l’omogeneità di risultati che derivano dalla caratteristica di EcovidUS di eseguire
scansioni guidate, riducendo l’effetto dell’operatore sulla diagnosi.


“L’intelligenza artificiale– ha concluso De Cicco – quantifica, dandoci un numero, quello che siamo abituati
a valutare in maniera occhimetrica e costituisce uno strumento nelle nostre mani che dobbiamo saper
gestire ma che, comunque, ci dà degli elementi in più che ci aiutano a migliorare”.

Condividi questo post