Amolab nel mondo

Amolab nel mondo: cresce la rete distribuzione

Accordi di distribuzione conclusi nella Federazione Russa, in Bielorussia, Kazakistan, Armenia, Tagikistan, Uzbekistan, dopo quelli raggiunti in Cina e Iran. Avviata la fase della registrazione negli Stati Uniti, mentre in Grecia è già attiva una collaborazione.

Si rafforza ulteriormente la rete di distribuzione internazionale dei device Amolab attraverso la sottoscrizione di accordi con diversi Paesi che hanno mostrato interesse per EcovidUS e SensUS Touch.

L’azienda pugliese ha avviato la fase di registrazione negli Stati Uniti, dove è necessario ottenere l’FDA registration (Food and Drug Administration), un percorso complesso e laborioso, per il quale la società può contare sul lavoro di un “catalizzatore”, una realtà olandese che abbraccia due università e tre strutture commerciali, a cui lo spin-off del CNR di Lecce è stata ammessa grazie al programma Bridgehead Global di EIT (European Institute of Innovation & Tecnology) Health.

Il progetto Eit Health

Il programma è rivolto alle imprese europee in ambito sanitario con l’obiettivo di sostenerle nell’espansione dell’attività al di là dei mercati nazionali ed europei attraverso dei facilitatori.

Tre gli obiettivi di Eit Health: rafforzare i sistemi sanitari in Europa e nel mondo, promuovere il miglioramento delle condizioni di salute dei cittadini e contribuire a un’economia sanitaria che sia sostenibile.

Guardando agli Stati Uniti, Amolab intende registrare entrambi i device, puntando a risolvere le esigenze cliniche dell’esigente mercato americano, sia dal punto di vista Ostetrico-ginecologico, che da quello pneumologico e di diagnosi del covid-19.

Si allargano gli orizzonti

Amolab a luglio 2021 ha siglato le intese che consentiranno, già dalla fine del 2022, la distribuzione delle tecnologie innovative a supporto della comunità medica nella Federazione Russa e in cinque Paesi dell’Asia centrale: Bielorussia, Bielorussia, Kazakistan, Armenia, Tagikistan, Uzbekistan.

In quest’area è prevista l’avvio della distribuzione per SensUS Touch.

Gli accordi seguono quelli sottoscritti per avviare la rete di distribuzione in Iran e Cina.

Per l’Iran la rete riguarda SensUS Touch ed è già attiva in quanto il Paese riconosce la validità della certificazione CE.

Per approdare nell’immenso mercato della Cina, Amolab sta avviando un percorso per ottenere la registrazione NMPA previste dalle disposizioni di legge in materia di dispositivi medici, per poi distribuire sia SensUS Touch che EcovidUS.

Amolab è presente anche in Grecia: nei mesi scorsi è stata attivata una rete di collaborazione che riguarda l’impiego di EcovidUS in strutture ospedaliere.

L’ampliamento dei canali su scala internazionale è un importante riconoscimento della validità della tecnologia Made in Italy nel campo della ricerca medica.